sabato 28 gennaio 2017

Campofiorito comune riciclone


PALERMO - La raccolta differenziata vola. Almemo secondo i dati illustrati in conferenza stampa a Palazzo D'Orleans dal governatore della Sicilia Rosario Crocetta che ha anche accennato all'ipotesi di costituire un "Ufficio speciale per la differenziata" e della necessità di eliminare carrozzoni "come gli ex Ato".

"In Sicilia la differenziata è passata dal 15,41% di giugno al 21,05% di oggi. Parliamo di un dato straordinario, se paragonato al dato di giugno quando è scoppiata l'emergenza registriamo un +6%. Questo dato è il frutto del lavoro fatto e delle ordinanze emanate in questi mesi. I vantaggi avuti dalla crisi estiva sono la nostra intuizione sull'impiantistica mobile, che ci ha fatto risparmiare soldi consentendo un abbattimento dai costi, e la differenziata". 

"Il dato della differenziata - ha aggiunto Crocetta - registra un incremento importante ma non è soddisfacente, si coglie una differenziazione da città a città e di comportamenti abbastanza difformi tra città di territori abbastanza vicini. Nei casi dove i livelli di differenziata sono bassissimi significa che non c'è uno sforzo da parte delle amministrazioni locali a non affrontare il problema e su questo noi non faremo sconti". 

"Nei casi di inadempienza - ha sottolineato - dobbiamo mettere in campo un'azione sostitutiva e agire da commissari. Il mio è un appello a intervenire con forza da parte delle amministrazioni, noi siamo intervenuti più volte per imporre una tassa ai comuni inadempienti, ma questa legge non è mai potuta approdare all'Ars, ogni volta è stata bloccata". 

Secondo i dati forniti dal responsabile regionale per l'ufficio speciale raccolta Salvo Cocina, arrancano le città metropolitane di Palermo (15%), Catania e Messina (12%) e i grandi centri come Siracusa dove la differenziata si ferma al 5%. I comuni più ricicloni, invece, sono proprio i piccoli centri, con popolazione al di sotto dei 10 mila abitanti. In vetta alla classifica c'è Campofiorito con il 91,71%. Bene anche Giardinello (84%), Ribera (78%), Santa Margherita Belice (70%) e Siculiana (67%), che registrano una percentuale di differenziata addirittura superiore al 65% fissato dalla legge. Leggi tutto

mercoledì 25 gennaio 2017

Il suo farmaco salvavita non viene più prodotto, gara di solidarietà per un pensionato di Gela.Il farmaco arriva da una farmacia corleonese

Una farmacista di Corleone, Rosa Binenti, ha spedito all'indirizzo dell'uomo la sua intera scorta di magazzino del farmaco, ovvero sue scatole. Il policlinico di Palermo ha comunicato di avere accertato una disponibilità ospedaliera di quasi 400 scatole del prodotto. Tuttavia non è possibile erogarlo all'esterno. Dovra' essere il servizio di malattie infettive di Gela a inviare il paziente, per una consulenza specialistica, presso il policlinico di Palermo, dove, da ricoverato, gli potrà essere somministrato il medicinale.
Read more at http://caltanissetta.blogsicilia.it/il-suo-farmaco-salvavita-non-viene-piu-prodotto-gara-di-solidarieta-per-un-pensionato-di-gela/375320/#QuEIDVJrZMuhiPBs.99

Consorzio Sviluppo e Legalità: pubblicati i bandi per il conferimento di quattro incarichi specifici

MONREALE, 24 gennaio – Il Consorzio Sviluppo e Legalità, il cui presidente in carica è il sindaco di Monreale, Piero Capizzi, ha pubblicato quattro procedure selettive finalizzate all'affidamento degli incarichi di responsabile dell'ufficio mandati, del servizio amministrativo, del servizio economato e del servizio tecnico.

Le procedure selettive sono riservate ai dipendenti pubblici a tempo indeterminato degli otto Comuni della Provincia di Palermo (Altofonte, Camporeale, Corleone, Monreale, Piana degli Albanesi, Roccamena, San Cipirello e San Giuseppe Jato), in possesso dei necessari requisiti tecnici nonché di esperienza e professionalità.

Premio Roberto Morrione, bando 2017: proroga al 27 gennaio

L'associazione Amici di Roberto Morrione ha deciso di prorogare di una settimana la scadenza per la presentazione dei progetti candidati alla sesta edizione del Premio Roberto Morrione per il giornalismo investigativo. Il nuovo termine fissato è quindi venerdì 27 gennaio 2017. La proroga riguarda solo il termine di invio dei progetti, restano invece invariati tutti i requisiti e le indicazioni del bando.

Sono due le categorie in concorso: webdoc d'inchiesta e video-inchiesta. I partecipanti non devono aver superato i 31 anni di età il 20 gennaio 2017.

Tra tutti quelli inviati, nel rispetto delle modalità indicate nel sito www.premiorobertomorrione.it, la giuria presieduta da Giuseppe Giulietti selezionerà quattro progetti da finanziare e realizzare: due per la categoria video-inchiesta e due per la categoria web-doc d'inchiesta. I progetti selezionati verranno resi noti agli inizi di marzo.

Durante i quattro mesi di produzione, gli autori verranno affiancati da un tutor giornalistico, un tutor tecnico e un tutor legale. Tutor giornalistici della quinta edizione saranno: Laura Silvia Battaglia, Giulia Bosetti, Maurizio Torrealta, Pablo Trincia. Il tutoraggio tecnico video audio è di Francesco Cavalli; il tutoraggio tecnico per le webdoc è di Stefano Lamorgese. L'avvocato Giulio Vasaturo garantisce la consulenza legale.

A ciascun progetto scelto verrà assegnato un contributo iniziale in denaro di 4.000 euro da impiegare nello sviluppo e produzione di un'inchiesta. I progetti selezionati concorreranno inoltre ad un premio finale in denaro del valore di 2.000 euro per la migliore video inchiesta e 2.000 euro la migliore webdoc d'inchiesta. Le inchieste vincitrici verranno diffuse da Rainews24.

Il premio ha ricevuto il Patrocinio della Presidenza della Camera dei deputati ed è realizzato con il finanziamento della RAI, dell'Otto per Mille della Chiesa Valdese e con il sostegno della FNSI e dell'UsigRAI. Rainews24, Rai Radio3, TGR e Internazionale sono media partner.

Il premio è realizzato in collaborazione con: Articolo21, RaiTeche, UCSI, Il Journal, I Siciliani, Report, Scuola di giornalismo Lelio Basso, Premio Città di Sasso Marconi, Tavola della Pace, Liberainformazione, Osservatorio di Pavia.

Condividi: