sabato 31 dicembre 2016

Rinnovati gli organi di amministrazione del CIDMA

Nell'ambito delle attività di governo dell'amministrazione intraprese dalla commissione straordinaria, nei giorni scorsi si è riunita l'assemblea generale dei soci del CIDMA (Centro Internazionale di Documentazione sulle Mafie e del Movimento Antimafia).
Nell'occasione, insieme ad un riepilogo dell'attuale gestione del centro, si è proceduto al rinnovo del consiglio direttivo che ora risulta composto da cinque membri, di cui tre nominati dalla commissione straordinaria in rappresentanza del Comune di Corleone.
Del citato organo di amministrazione del CIDMA, presieduto dalla dr.ssa Giovanna Termini, ora fanno parte la dr.ssa Rosanna Mallemi, il dr Vincenzo Oliveri, Sindaco del Comune di Villabate, il dr Marcello Barbaro ed il prof. Maurizio Carta. Il Presidente convocherà nelle prossime settimane l'assemblea generale dei soci per la nomina del collegio dei revisori e per procedere in sede di consiglio direttivo ad avviare l'esame dei bilanci

La Commissione Straordinaria

Antimafia, sette Comuni palermitani firmano protocollo di legalità

PALERMO. Firmato un Protocollo di intesa per la legalità e la prevenzione dei tentativi di infiltrazioni criminali mafiose nell'economia fra il prefetto di Palermo, Antonella De Miro,  i commissari straordinari dei Comuni di Corleone e Palazzo Adriano - le cui amministrazioni comunali sono state sciolte per mafia rispettivamente ad agosto e ottobre,  e sindaci di Villabate, Torretta, Misilmeri, Isola delle Femmine e Polizzi Generosa. Leggi tutto

Prefettura, De Miro stila il consuntivo del 2016 «Sciolti due Comuni. Arrivati 15mila migranti»

Lo scioglimento dei Comuni di Corleone e Palazzo Adriano e la gestione di venti sbarchi che hanno portato nel capoluogo più di 15mila migranti. E poi le misure antiterrorismo e a salvaguardia della sicurezza, i controlli sulle infiltrazioni mafiose negli appalti, la gestione delle tornate elettorali e il lavoro di raccordo con la Protezione civile. La prefetta Antonella De Miro ha illustrato oggi l'attività svolta dall'ente del quale è a capo nella sede di villa Whitaker, alla presenza dei vertici delle forze di polizia provinciali, sottolineando come «il lavoro di raccordo sia necessario e fondamentale». Leggi tutto

giovedì 29 dicembre 2016

Ospedale di Corleone: la radiologia è aperta anche all'utenza esterna


Dal 1 dicembre ’16, dopo 4 anni, la radiologia è stata aperta anche all'utenza esterna e sono già stati effettuati 500 esami. Lo ha voluto sottolineare ieri il Direttore Generale Antonio Candela e ne diamo notizia a se perché tanti cittadini ancora non ne sono a conoscenza. Basta andare al CUP aziendale e prenotare.

Ricordiamo che il reparto, interamente ristrutturato e riqualificato, può contare anche su un “telecomandato” recuperato alla piena funzionalità. 

Il nuovo reparto, nel quale lavorano 4 medici, 9 tecnici di radiologia ed un infermiere professionale, assicura tutte le prestazioni di radiodiagnostica tradizionale, ecografie, Tac e mammografie. 

Giuseppe Crapisi

mercoledì 28 dicembre 2016

Direttore dell'ASP Candela: l'Ospedale di Corleone in salute, attivato il laboratorio di analisi

CORLEONE    28 DICEMBRE 2016 - Sono 220 mila l’anno gli esami che vengono assicurati a degenti ed utenti esterni dal laboratorio d’analisi del “Dei Bianchi” di Corleone. La struttura riqualificata e potenziata è stata attivata questa mattina – alla presenza tra gli altri del Direttore generale dell’Asp di Palermo, Antonio Candela, del Direttore sanitario, Giovanna Volo, e del Direttore amministrativo, Salvatore Strano -  nei nuovi locali del “Corpo A” dell’Ospedale. In una superficie di circa 200 mq. lavorano 3 Dirigenti (2 medici ed un biologo) e 4 Tecnici che garantiscono tutti gli esami di base anche per le urgenze ed emergenze del nosocomio.
            Il laboratorio di Corleone, rinnovato ed aggiornato anche dal punto di vista tecnologico, è collegato in rete con gli altri 5 laboratori distribuiti nel territorio dell’Azienda sanitaria provinciale e con l’Unità Operativa di Medicina trasfusionale.
            “E’ una struttura che serve, non solo l’Ospedale ‘Dei Bianchi’, ma tutto il territorio del Distretto di Corleone – ha sottolineato il Direttore generale dell’Asp, Antonio Candela – è stata organizzata un’attività di prelievo che dà la possibilità all’utente, una volta la settimana, di sottoporsi agli esami nel proprio Comune di residenza. Il referto viene poi inviato attraverso internet ai cittadini del comprensorio che hanno, così, la possibilità di usufruire del servizio senza doversi più recare a Corleone”.
            L’attivazione del nuovo laboratorio d’analisi dell’Ospedale “Dei Bianchi” fa seguito a quella delle due nuove Sale Parto e della nuova Area di Radiodiagnostica (dopo 4 anni aperta anche all’utenza esterna con 500 esami effettuati dal primo dicembre scorso ad oggi). “Siamo impegnati in un percorso di riqualificazione e potenziamento dell’offerta sanitaria che ha comportato un investimento di 2 milioni e mezzo di euro nel solo Ospedale di Corleone – ha spiegato Candela – il 16 gennaio sarà attivato anche il nuovo Pronto Soccorso e, poco dopo, ci sarà il completamento di tutte le strutture ospitate nel nuovo ‘braccio’ dell'Ospedale”.
           
A margine della “consegna” del nuovo laboratorio d’analisi, i vertici dell’Asp di Palermo hanno tracciato un bilancio d’attività dell’Ospedale. “Nel 2014 sono stati 1.771 i pazienti ricoverati, mentre nel 2015 i degenti sono stati 1.749, un dato in linea con quello di quest’anno - ha commentato Candela -  il tasso di occupazione dei posti-letto è superiore all’85%. Viene confermato anche nel 2016 il dato (90,48%, ndr) al di sotto della media nazionale della degenza post-operatoria inferiore a tre giorni dei pazienti sottoposti a Colecistectomia laparoscopica. Nel 2016 sono aumentati, invece, del 20 % il numero dei parti ed il numero dei ricoveri in Ostetricia e Ginecologia, mentre sono diminuiti i tagli cesarei (dal 27% del 2015 si è passati al 23% dell’anno in corso, ndr). Sono dati di risultato – ha concluso il Direttore generale dell’Asp di Palermo - perfettamente in linea con la mission della struttura”. (NR)

I Commissari del Comune di Corleone: dai rifiuti all’acqua i problemi affrontati in questi mesi

La Commissione straordinaria, nell'approssimarsi delle Festività Natalizie e di Fine Anno, hanno incontrato, alcuni giorni fa, i rappresentanti degli organi di informazione per illustrare le attività svolte e per uno scambio di auguri. Dopo 4 mesi di attività intensi e vari problemi hanno voluto sottolineare che sono una bella squadra di donne, affiancate, diciamo noi, dal neo Segretario Comunale Lucio Guarino che conosce, per esperienze personali, il territorio.

Tra i vari problemi che hanno dovuto affrontare c’è quello dell’erogazione idrica. Sono stati coinvolti altri enti come la Protezione Civile, l’ARPA, il Prefetto, è stato istituito un tavolo tecnico che ha portato alle soluzioni delle autobotti e alla razionalizzazione dell’acqua per poter servire l’intera comunità. Rimane un problema strutturale della conduttura e del potabilizzatore. L’Amap sta lavorando per quantificare i costi e la fattibilità, al Comune l’onere di progettare e trovare il finanziamento. I Commissari prendono l’impegno che faranno di tutto affinché prima della fine del mandato si trovi una soluzione.

Per i rifiuti è stata indetta una gara per affidare il servizio fino al 31 dicembre e nello stesso tempo è stata attivata la procedura per avviare la SRR. Dall’anno prossimo sarà la SRR ad affidare il servizio. Inoltre, hanno cercato di far tornare a lavoro i dipendenti ex ATO.

Hanno ridimensionato la struttura organizzativa, dimezzando gli attuali 8 settori, che permetterà di risparmiare e di razionalizzare l’attività amministrativa. Nel 2017 punteranno alla trasparenza, all’anticorruzione e alla rotazione del personale, inoltre puntano a utilizzare al meglio tutti i dipendenti per evitare affidamenti esterni.

Per quanto riguarda il patrimonio immobiliare stanno affidando gli impianti sportivi, liberato i locali di Sant’Agostino,  trasferito nei locali dell’ex Tribunale il Centro per l'impiego con un risparmio di 35.000 euro annui.

Più volte l’ENEL non ha più erogato il servizio al Comune perché c’è una morosità di 400 mila euro di bollette non pagate, addirittura alcune del 2013. Si sta concordando un piano di rientro.

Per il Bilancio stanno chiudendo il Consuntivo e poi toccherà al Preventivo. La situazione comunque non è facile.

Sul versante tributi è stata revocato il rapporto con ASMEL, di certo il dato è sconfortante in quanto l’ultimo dato del 2014/2015 ci dice che l’evasione è del 75/85 %.

I Commissari Giovanna Termini, Rosanna Mallemi e Maria Cacciola sentono che dalla popolazione ci sia tanta attesa e legittime aspettative rispetto ai servizi del Comune. 

Giuseppe Crapisi