sabato 8 ottobre 2016

La livella di Corleone

A Corleone vittime e carnefici, spettatori inermi e compiaciute comparse riposano uno accanto all'altro. Il cimitero di Corleone come nella livella di Totò.

Ospedale di Corleone. Mentre si discute sulla possibile chiusura i medici chiudono battenti

Rientra tra gli Ospedali di zona disagiata, l’ospedale di Corleone è al centro di diverse discussioni dovute alla precaria situazione logistico-organizzativa che ne sta delineando una possibile chiusura. Scelta non del tutto comprensibile, visto che il 30 settembre presso l’Ospedale “Dei Bianchi” si è svolta l’inaugurazione di due sale parto travaglio per un costo complessivo di circa 112 mila euro, somma investita anche per le apparecchiature di ultima generazione. Spese che andrebbero vanificate da una ipotetica chiusura. O forse incomprensibile risulta la somma investita in una struttura che rientra in quella mappa tracciata dal Governo, sottoscritta con le Regioni, che prevede che l’Ospedale di Corleone assista i pazienti per le prime cure di emergenza?

Leggi tutto
http://www.filodirettomonreale.it/2016/10/08/ospedale-di-corleone-mentre-si-discute-sulla-possibile-chiusura-i-medici-chiudono-battenti/

venerdì 7 ottobre 2016

Asp Palermo, acquistati 27 nuovi ecografi. Investiti 1,2 milioni

PALERMO. L'Asp di Palermo investe 1.194.467,15 euro per rinnovare il parco tecnologico di ambulatori e Unità Operative di ginecologia e cardiologia. Aderendo ad una gara in convenzione CONSIP (la centrale degli acquisti della pubblica amministrazione italiana) sono stati acquistati 27 ecografi di ultima generazione. Tutte le attrezzature sono, già, state montate, collaudate ed a disposizione di operatori ed utenti di città e provincia.
Leggi tutto http://palermo.gds.it/2016/10/07/asp-palermo-acquistati-27-nuovi-ecografi-investiti-12-milioni_574034/

Corleone, i commissari del Comune chiedono di costituirsi parte civile contro i boss

L'anno scorso, era finito in carcere un dipendente comunale boss, il Comune di Corleone aveva dimenticato di costituirsi parte civile. E' stato uno dei motivi dello scioglimento dell'amministrazione retta dal sindaco Leoluchina Savona. Da agosto, ci sono tre commissari a reggere le sorti del Comune, nominati dal governo: loro non hanno dimenticato di costituirsi parte civile contro i mafiosi, gli eredi di Riina e Provenzano arrestati di recente dai carabinieri. Il rito abbreviato è iniziato questa mattina: anche il Comune di Chiusa Sclafani e la Fondazione Pio La Torre hanno chiesto di costituirsi. 

Leggi tutto 2016/10/07/news/corleone_i_commissari_del_comune_chiedono_di_costituirsi_parte_civile_contro_i_boss

Il cimitero di Roccamena e la storia del “gessaro” guardiano della fossa comune

A Roccamena sono in tanti che ricordato un uomo di Corleone che proprio nella foibe dove è stato scoperto il cimitero di mafia aveva aperto un attività.

Una cava di gesso proprio nello stesso posto dove gli uomini del nucleo dei vigili del fuoco del Saf stanno recuperando i resti dei corpi di uomini e una donna abbandonati lì da anni.

Leggi tutto http://palermo.blogsicilia.it/il-cimitero-di-roccamena-e-la-storia-del-gessaro-guardiano-della-fossa-comune/358601/

giovedì 6 ottobre 2016

PD del Corleonese: Soddisfatti per la lotta alla mafia, ma chiede un'attenzione particolare per il fenomeno dei furti nel territorio.

Esprimiamo soddisfazione per gli ultimi interventi portati avanti dalle forze dell’ordine sul territorio del Corleonese, la continua e determinata lotta alla mafia e la repressione per evitare la riorganizzazione delle famiglie mafiose da sicurezza al territorio, prova ne è che gli imprenditori stanno mostrando maggiore sensibilità nel denunciare le azioni ritorsive nei loro confronti da parte di chi ancora oggi pensa di fare soldi facili solo con la violenza ed il sopruso.
Siamo giunti a grande passo 4, ed è proprio di questi giorni, l’operazione “Monte Reale” tra San Giuseppe e Monreale, ed in ultimo la raccapricciante scoperta del cimitero di Mafia nelle campagne di Roccamena, non si può più parlare di episodi isolati, ma di attività criminale concreta e costante che mina la serenità dei nostri territori e di tutti i cittadini onesti.
Oggi più che mai prendiamo atto che, liberi cittadini e validi imprenditori, che nulla hanno a che vedere con attività criminali, possono trovarsi a soffrire le ingerenze dell'attività mafiosa senza volerlo, tutto ciò è inammissibile, occorre determinazione e chiarezza nel prendere le distanze da atteggiamenti conniventi con la criminalità organizzata.
Inoltre il PD del Corleonese visti gli innumerevoli furti avvenuti nelle campagne, che stanno mettendo in ginocchio le aziende agricole, e anche dentro il centro abitato di Corleone chiediamo alle forze dell'ordine e alla magistratura un'attenzione particolare per il controllo del territorio.

Il PD del Corleonese infine, riunitosi lo scorso 28 settembre, con questo documento vuole esprimere la propria solidarietà a tutti gli imprenditori che con coraggio hanno denunciato il racket delle estorsioni, ciò sta a significare che sta penetrando nelle coscienze il senso di legalità, il rispetto della legge e delle persone.
F.to
Quartararo Pietro, Crapisi Giuseppe,  Arcuri Emanuele, Caterina Altamore, Gullo Giuseppe, Spera Leonardo, Sonia Petralia, Monica Bonanno, Fabrizia Contorno, Fabiola di Carlo, Dino Paternostro, Schillaci Salvatore, Ragusa Vincenzo, Messina Antonio, Musacchia Giuseppe, Pirrone Giuseppina


mercoledì 5 ottobre 2016

Lettera del Comitato Pro Ospedale all’assessore Gucciardi

All'Assessore alla Sanità della Regione Siciliana
Baldo Gucciardi
Al Direttore Generale dell'Asp di Palermo
Antonino Candela


Oggetto: richiesta di incontro con il COMITATO PRO OSPEDALE DI CORLEONE

Il Comitato Pro Ospedale si è riunito, giovedì 29 settembre, per discutere di quanto appreso sul Piano della rete ospedaliera regionale e che riguarda anche l'Ospedale di Corleone.
Erano presenti il Sindaco di Giuliana Musso, di Campofiorito Oddo, di Prizzi Vallone, di Chiusa Sclafani Ragusa, il vice sindaco di Roccamena Foto, il Presidente del Consiglio di Chiusa Sclafani Gullo, i delegati dei Comuni di Contessa Entellina e Bisacquino,Leo Cuppuleri per la CGIL Funzione Pubblica, Giuseppe Crapisi e Bernardo Scalisi in qualità di Presidente e Vice di ORA Corleone, Dino Paternostro per l'associazione Città Nuove, Francesco Piazza per "Auto d'epoca Corleone", Emanuele Arcuri per i GD, oltre a numerosi cittadini e alcuni operatori sanitari.
Avendo avuto notizia, dai media, che per il momento l'iter per l'approvazione del Piano è stato bloccato e che è iniziato il confronto da parte dell'Assessore Gucciardi e del Presidente Crocetta con i territori chiediamo:
Un incontro immediato con l'Assessore Gucciardi e il direttore Generale Candela in merito al futuro dell'Ospedale di Corleone e del servizio di 118 nel corleonese.
Siamo soddisfatti che l'Ospedale di Corleone sembri esser classificato come Ospedale di zona disagiata ma
Rivendichiamo:
la presenza negli Ospedali disagiati del Pronto Soccorso, come previsto dal D.M. 70/2015;il mantenimento della psichiatria;della pediatria;la funzionalità del reparto di chirurgia generale.
Infine, il Comitato è preoccupato per la scelta di lasciare una sola ambulanza medicalizzata nel PTE di Palazzo Adriano, lasciando scoperto un territorio vasto che va da Contessa Entellina fino a Roccamena. Chiediamo il mantenimento di due ambulanze medicalizzate o di una ma posta in una postazione centrale rispetto a tuto il corleonese.

Corleone 04/10/16
                                                                                                                        
 Firma
Dott. Giuseppe Crapisi

Comuni commissariati: tra dissesti e mafia, ogni anno 2,5 milioni di cittadini senza un sindaco

 - Da Africo, in Calabria, a Villa d'Adda, in Lombardia. Passando per Corleone (Sicilia), Molfetta (Puglia), Sabaudia (Lazio), Brescello(Emilia-Romagna), Abano Terme (Veneto), Lavagna (Liguria) e Carezzano (Piemonte). A oggi sono ben 82 i Comuni italiani che 'viaggiano' senza sindaco né consiglio comunale. Ottantadue municipalità commissariate per mafia, dissesto finanziario, dimissioni dei consiglieri o incapacità di approvare il bilancio. Leggi tutto su http://www.repubblica.it/speciali/politica/data-journalism/2016/10/05/news/comuni_commissariati_mafia-148099623/

OSPEDALE DI CORLEONE: LA CGIL DICHIARA LO STATO DI AGITAZIONE DEL PERSONALE

La Scrivente Organizzazione Sindacale  è costretta a proclamare lo stato di agitazione del personale per  la presenza di preoccupanti  problemi   sia nell’applicazione di alcuni  istituti contrattuali   sia nell’attività dei reparti e dei servizi ospedalieri.  A tutt’oggi, non è stata inviata al presidio Ospedaliero Dei Bianchi di Corleone, l’unità di personale infermieristico, che con  nota 13193/DRU del 2/7/2015, della Direzione Aziendale era stata  destinata all’Ospedale per rafforzare l’attività del Pronto Soccorso.
 Diversi infermieri e autisti  che sono stati chiamati ad effettuare prestazioni di lavoro straordinario per indifferibili esigenze di servizio e in regime di pronta disponibilità, raggiungendo, pertanto, il tetto delle 250 ore, non sono state inserite, a tutt’oggi, nella percentuale ammessa al pagamento di dette prestazioni.
AL personale Ostetrico non viene riconosciuta e corrisposta l’indennità prevista dal comma 6 dell’art. 44 del CCNL corrisposta, peraltro, al personale Ostetrico di  tutti gli altri presidi Ospedalieri dell’Azienda.
IL Servizio di  Endoscopia la cui attivazione è stata prima rivendicata e poi  apprezzata dalla scrivente organizzazione sindacale  funziona, attualmente, con l’utilizzazione di personale infermieristico della U.O. di Chirurgia  e con carichi di lavoro  che espongono a seri rischi tanto gli operatori  quanto l’efficienza e l’efficacia delle due attività.
La CGIL , alla luce di questi fatti e di un peggioramento più complessivo delle condizioni di lavoro degli operatori del presidio, proclama  lo stato di agitazione del personale e  comunica, fin d’ora, che in assenza di  risposte appropriate e  tempestive sulle  questioni sopra evidenziate  farà ricorso a nuove  iniziative di mobilitazione dei lavoratori, che saranno di volta in volta comunicate, a partire da un sit-in davanti l’Ospedale.


 f.to
Corleone  04/10/2016
                                                           IL responsabile CGIL del P.O. di Corleone

                                                                                                                Leoluca Cuppuleri

OPEN DAY di Psicologia e Psicoterapia

L'8 ottobre la dottoressa Francesca Benigno e la dottoressa Giusy Cannizzaro aprono le porte alla cittadinanza del loro nuovo studio, per parlare di psicologia e psicoterapia. Durante l'open day verrà presentato il calendario degli eventi di ottobre organizzati presso lo studio in occasione del mese del benessere psicologico.
Benigno Francesca: Inoltre in occasione del mese della prevenzione del benessere psicologico dal lunedì al venerdì sarà possibile prenotare telefonicamente un primo colloquio psicologico gratuito valido per tutto il mese di ottobre. 
Per info:
Dottoressa Francesca Benigno 
Cell. 3283728766
Dottoressa Giusy Cannizzaro 
Cell. 3289239215

Mafia: trovato 'cimitero' Cosa nostra a Corleone con resti umani

Un vero e proprio “cimitero” della mafia è stato scoperto dalla Dda di Palermo nei pressi di Corleone. Si tratta di una grotta vicino a contrada Roccamena, dove sono stati trovati i resti umani «di almeno cinque persone, forse di più»Ci sono teschi umani e altri resti. Sul posto ci sono i Carabinieri del Ris e gli investigatori ma anche due pm della Dda di Palermo. Leggi tutto.