venerdì 28 maggio 2010

SANITA’: APPRENDI (PD), NO A CHIUSURA PSICHIATRIA GUADAGNA PER TRASFERIMENTO A CORLEONE

(AGI) - Palermo, 28 mag. - “Su Palermo e provincia esiste una carenza di assistenza per gli ammalati psichiatrici di una ventina di unita’. Secondo infatti una legge che prevede ci sia un posto letto ogni 10 mila abitanti, a Palermo dovrebbe essere garantita assistenza per 80 malati, mentre i posti letto effettivi si fermano a 55. Per questo e’ necessario che venga bloccato il decreto dell’assessore Russo con il quale si prevede il trasferimento a Corleone di ulteriori 15 posti letto. Decreto che penalizzerebbe ulteriormente i malati e le loro famiglie privandoli di quella assistenza sul territorio garantita dalla normativa nazionale”. Lo afferma il vice presidente della commissione Attivita’ produttive dell’Ars, Pino Apprendi (Pd) che questa mattina ha partecipato al sit-in di protesta della Fp Cgil contro i tagli al reparto di psichiatria della Guadagna. “Tagli che -continua Apprendi- avrebbero un impatto negativo sul dipartimento e che creerebbero una mobilita’ passiva dei pazienti con costi per le famiglie e disagi notevoli. L’assessore non deve fare altro che seguire la legge e quindi andare delle direzione opposta, aumentando cioe’ i posti letto e garantendo il diritto alla salute per i malati psichiatrici di Palermo e provincia”. (AGI) Rap/Mzu

mercoledì 26 maggio 2010

MAFIA: FALLITO ATTENTATO ADDAURA, IL 21 GIUGNO CONFRONTO DNA

(AGI) - Palermo, 26 mag. - Si svolgera' il 21 giugno prossimo, a ventun anni esatti dal fallito attentato dell'Addaura contro Giovanni Falcone, l'incidente probatorio che servira' per il confronto tra il Dna dei due attentatori, tuttora sconosciuti, e quello di cinque mafiosi indagati, di un boss deceduto negli anni scorsi e di due poliziotti, Antonino Agostino e Emanuele Piazza, uccisi da Cosa Nostra tra l'agosto '89 e il marzo del '90. Il Dna di coloro che usarono la muta da sub e la maschera, ritrovate dentro o accanto alla borsa contenente l'esplosivo destinato al giudice Giovanni Falcone, era stato isolato nei mesi scorsi e la circostanza era nota fin dalla notifica della richiesta di incidente probatorio nei confronti di Salvatore Madonia, Gaetano Scotto, Raffaele e Angelo Galatolo, di Giuseppe Galatolo (deceduto nel 2002) e del pentito Angelo Fontana. Gli esperti della polizia avevano estratto il profilo genetico dalle cinghie laterali degli occhiali da sub, "a contatto con le tempie", e dal polsino sinistro della giacca della muta da sub. Secondo gli esperti, questo Dna appartiene a un unico individuo di sesso maschile. Da questi e da altri reperti (le pinne) trovati sugli scogli era emerso "un profilo genetico misto, compatibile con l'ipotesi di commistione tra il profilo genetico riferibile all'individuo 1 e almeno un altro individuo di sesso maschile". Uno dei due profili genetici e' descritto da una serie di numeri che cominciano con "12-14, 30-31.2". (AGI) Cli/Pa/Rap

Palermo: Scoperta frode fiscale per 1,3 mln euro, due denunce ‎

Palermo, 26 mag.-?(Adnkronos) - Una frode fiscale per oltre 1,3 milioni di euro e' stata scoperta dai Finanzieri della Tenenza di Corleone (Palermo), nell'ambito di un'articolata indagine su imprese operanti in regime di appalto e sub-appalto, nel settore dell'edilizia e dell'impiantistica. In particolare, e' stato scoperto un sistema di false fatturazioni mirate ad ottenere illecitamente finanziamenti pubblici a fondo perduto, derivanti dal Por- Sicilia 2000/2006.

"I Finanzieri hanno accertato - spiegano le Fiamme gialle - che le due societa' hanno sottratto al fisco complessivamente ricavi per complessivi 1.300.000 euro, ed utilizzato fatture per operazioni inesistenti per complessivi 770.000 euro". I rappresentanti delle due societa', una di Corleone ed una di Piana degli Albanesi, operanti rispettivamente nel settore teatrale ed in quello dell'edilizia sono state denunciate a piede libero.

lunedì 24 maggio 2010

MAFIA: CEMENTO IMPOVERITO, 14 ARRESTI, ANCHE MANAGER CALCESTRUZZI

(AGI) - Caltanissetta, 27 apr. - Arrestati da carabinieri e finanzieri i vertici di Cosa nostra siciliana e della Calcestruzzi spa di Bergamo. In una vasta operazione denominata "Doppio colpo" , che ha interessato Sicilia, Lombardia, Lazio e Abruzzo, i militari dell'Arma e le Fiamme gialle dei comandi provinciali di Caltanissetta hanno tratto in arresto 14 persone e sequestrato sette aziende siciliane operanti nel settore del movimento terra. Tra gli arrestati boss mafiosi, cui sono stati contestati i reati di associazione mafiosa e illecita concorrenza con violenza e minaccia, e i dirigenti della Calcestruzzi Spa di Bergamo, a cui sono stati contestati i reati di associazione per delinquere e frode in pubbliche forniture. Con l'appoggio della mafia, cui cedeva parte dei maggiori profitti realizzati frodando i propri clienti - ai quali forniva calcestruzzo con minori quantitativi di cemento - l'azienda bergamasca - da piu' di due anni sotto amministrazione giudiziaria - aveva assunto il monopolio nella fornitura di calcestruzzo in Sicilia. Conferenza stampa alle 11 al palazzo di giustizia di Caltanissetta. (AGI) Mrg