venerdì 5 giugno 2009

E' Mariella Maggio la nuova segretaria della Cgil siciliana

Scoperta piantagione di oppio con 800 piante di papavero

Corleone e le assunzioni clientelari di Acque Potabili Siciliane.

Qualche domanda al sindaco, agli assessori e a qualche consigliere comunale...

Sappiamo che il sindaco, diversi assessori e qualche consigliere comunale sono fortemente contrariati dai nostri "racconti" sulle presunte assunzioni clientelari da parte di Acque Potabili Siciliane, che loro avrebbero "ispirato". Sappiamo che sono indignati per l'insinuazione che possa essere "il prezzo" della rete idrica e delle condotte "regalate" ad APS. Per evitare equivoci, fraintendimenti e speculazioni, sull'argomento abbiamo presentato un'interrogazione al sindaco, che contiene domande specifiche e precise, in grado di fugare o confermare ogni dubbio. Ci auguriamo che il sindaco bruci le tappe (come non è sua consuetudine) e ci risponda subito, ancora prima dei dieci giorni previsti dal regolamento, senza farsi pretestuosamente scudo della privacy.
Intanto anticipamo qualche altra domanda:
1. Il sindaco Iannazzo può giurare sul suo onore che tra gli assunti da Acque Potabili Siciliane non vi sia un suo amico personale e politico molto intimo?
2. L'assessore Giuseppe Cardella può giurare sul suo onore che tra gli assunti da Acque Potabili Siciliane non vi sia un suo stretto parente?
3. L'assessore Giuseppe Giandalone può giurare sul suo onore che tra gli assunti da Acque Potabili Siciliane non vi sia un suo affine molto stretto?
4. L'assessore Carlo Vintaloro può giurare sul suo onore che tra gli assunti da Acque Potabili Siciliane non vi sia un suo stretto parente?
5. L'assessore Pio Siragusa può giurare sul suo onore che tra gli assunti da Acque Potabili Siciliane non vi sia un suo stretto parente?
6. Il capogruppo dell'Udc consigliere Vincenzo Macaluso può giurare sul suo onore che tra gli assunti da Acque Potabili Siciliane non vi sia un suo stretto parente?

DINO PATERNOSTRO consigliere comunale di Corleone